Ottobre 2020: l’attuale situazione epidemiologica relativa alla infezione da SARS COV 2 che coinvolge il nostro territorio sta assumendo nuovamente una dimensione molto critica e preoccupante. Di conseguenza la richiesta di tamponi con finalità di diagnosi è aumentata negli ultimi giorni in modo esponenziale. Si rende pertanto necessaria la corretta applicazione di tutte le regole definite in merito per evitare importanti criticità all’intero sistema.

Si riassumono di seguito le regole:

  • Punti tamponi delle ASST con autopresentazione
    Sono destinati esclusivamente agli alunni e agli operatori scolastici, pertanto altre tipologie di assistiti non possono in alcun modo essere invitati alla autopresentazione.
    Gli assistiti afferenti all’ambito scolastico devono essere invitati ad utilizzare il più possibile il QR code trasmesso la scorsa settimana o il link specifico per la registrazione.
    La mancata registrazione rallenta i flussi di accesso e dà origine a code.
    E’ opportuno inoltre che tutti gli assistiti registrati si presentino.
    Vedi anche: Covid scuole: provvedimenti e moduli
  • Richieste tamponi per soggetti sintomatici esclusi quelli previsti al punto precedente
    Le richieste dei soggetti sintomatici devono essere effettuate da parte dei Medici di Assistenza Primaria e dei Pediatri di Famiglia.
    Questi assistiti non possono auto presentarsi presso i punti tamponi delle ASST o presso le tende di ATS.
  • Gestione dei contatti stretti di caso covid positivo
    La gestione dei contatti stretti di caso è in capo ad ATS Insubria, la quale darà indicazioni formali agli interessati in merito alla quarantena predisponendo la richiesta del tampone per i casi nei quali verrà effettuato.
    I Medici di Assistenza Primaria, i Pediatri di Famiglia e i Medici di Continuità Assistenziale non dovranno pertanto richiedere il tampone a tali soggetti, né invitarli a presentarsi presso i punti di cui sopra.
    Solo nelle situazioni in cui il caso indice è residente in altra ATS o in altra Regione o in altri Paesi (ad es. Svizzera) oppure per i contatti individuati mediante l’APP IMMUNI, il medico dovrà segnalare il paziente su sMAINF (se asintomatico, selezionare la relativa voce dal menù a tendina) e richiedere il tampone direttamente da sMAINF o mediante il portale qualora l’assistito non venisse contattato nel giro di qualche giorno da parte di ATS.

Si raccomanda l’utilizzo di una sola delle possibilità sopra evidenziate per ciascun assistito in applicazione delle specifiche indicazioni al fine di evitare duplicazioni che non possono che rallentare i flussi di accesso alle prestazioni. È infine di fondamentale importanza che tutti gli assistiti rispettino gli orari di prenotazione evitando sovraffollamenti.

Si chiede pertanto una fattiva collaborazione da parte di tutti nel rispetto delle indicazioni e nella informazione agli assistiti.